Forum Bonsai
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Traduttore Google
Contatto forum
A causa dei tanti messaggi privati in arrivo, ho messo un limite per scrivere MP all'amministratore, quindi prima di poter scrivere messaggi all'amministratore ed i suoi componenti bisogna aver fatto almeno 10 post Per urgenze particolari, per reclami o solo per suggerimenti gli utenti che non hanno i requisiti, possono scrivere a questo indirizzo: giancarlo.carlini@alice.it
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

La luna oggi
CURRENT MOON
Ospiti Italiani ed esteri che hanno Visitato il Forum
La storia del bat Kaede - Pagina 6 Labels=0
Sondaggio

Come avete scoperto il forum?

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Vote_lcap11%La storia del bat Kaede - Pagina 6 Vote_rcap 11% [ 35 ]
La storia del bat Kaede - Pagina 6 Vote_lcap61%La storia del bat Kaede - Pagina 6 Vote_rcap 61% [ 198 ]
La storia del bat Kaede - Pagina 6 Vote_lcap1%La storia del bat Kaede - Pagina 6 Vote_rcap 1% [ 4 ]
La storia del bat Kaede - Pagina 6 Vote_lcap14%La storia del bat Kaede - Pagina 6 Vote_rcap 14% [ 46 ]
La storia del bat Kaede - Pagina 6 Vote_lcap2%La storia del bat Kaede - Pagina 6 Vote_rcap 2% [ 7 ]
La storia del bat Kaede - Pagina 6 Vote_lcap11%La storia del bat Kaede - Pagina 6 Vote_rcap 11% [ 37 ]

Voti totali : 327

Ultimi argomenti
» Eventi 2020
La storia del bat Kaede - Pagina 6 EmptyIeri alle 18:04 Da quaglia965

» Che tempo fa ?
La storia del bat Kaede - Pagina 6 EmptyDom 27 Set 2020, 04:56 Da kordonbleu

» Informazioni melo
La storia del bat Kaede - Pagina 6 EmptyVen 25 Set 2020, 11:21 Da kordonbleu

» Carpino nero - Problema foglie
La storia del bat Kaede - Pagina 6 EmptyMer 23 Set 2020, 20:23 Da Paolo Fagnani

» ditemi dove piu giusto capitozzare
La storia del bat Kaede - Pagina 6 EmptyLun 21 Set 2020, 16:09 Da kordonbleu

» Ciao a tutti
La storia del bat Kaede - Pagina 6 EmptyLun 21 Set 2020, 16:05 Da kordonbleu

» Aiuto pino pentaphilla cosa succede?
La storia del bat Kaede - Pagina 6 EmptyDom 20 Set 2020, 11:13 Da pie78

» Pinus Parviflora Var. "Ibokan"
La storia del bat Kaede - Pagina 6 EmptySab 19 Set 2020, 10:27 Da kordonbleu

» Quercus cerris
La storia del bat Kaede - Pagina 6 EmptySab 19 Set 2020, 07:36 Da kordonbleu

Settembre 2020
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930    

Calendario Calendario

Segui Giancarlo su Facebook

La storia del bat Kaede

Pagina 6 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  Armando Dal Col il Sab 20 Lug 2013, 11:29

Caro Bat, hai usato fin qui tutti gli strataggemmi per far sì che la pianta segua un percorso adeguato. Buono anche l'innalzamente degli apici dei rametti che permette loro di ricevere maggiori energie aumentando così di diametro. Un'altra cosa che potresti fare sono dei tagli alla base dei rametti seguendo il "movimento" delle vene. Le foglie cadono? Poco male, l'importante che all'ascelle delle stesse siano presenti le gemme sane pronte a ripartire con i primi di agosto, belle fresche, colorate e pimpanti! Tienilo ombreggiato e nebulizzato nella tarda serata. e poi è inutile stressarlo ulteriormente con l'applicazione della busta, questo significa mettere sotto sforzo maggiormente la pianta.
Armando
Armando Dal Col
Armando Dal Col
Istruttore riconosciuto dalla Nippon Bonsai Association e Istruttore Nazionale UBI
Istruttore riconosciuto dalla Nippon Bonsai Association e Istruttore Nazionale UBI

Messaggi : 841
Data d'iscrizione : 26.06.13
Età : 84
Località : Tarzo TV Phone 0438 587265

http://www.armandodalcolseiwabonsaien.com

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  Ospite il Sab 20 Lug 2013, 11:50

60% di pomice e tanta .....la pomice trattiene molto meno l'umidità radicale rispetto all'akadama ,se poi ci sono 38 gradi si peggiora la situazione ,io senza foto penso ad un colpo di calore ,metti all'ombra ,okkio a come innaffi  nel caso di blocco radicale il pericolo e dietro l'angolo...incrocio dita  ,quoto Armando sui consigli a te dati

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  jiraiya il Sab 20 Lug 2013, 12:15

giacomo58 ha scritto:60% di pomice e tanta .....la pomice trattiene molto meno l'umidità radicale rispetto all'akadama
concordo; invece non concordo con Giancarlo: la pomice non va bene per gli aceri. anche Giancarlo stesso ha scritto che gli aceri li tiene in un mix di pomice, akadama, t.u. e kanuma: il t.u. controbilancia l'asciugatura veloce della pomice, praticamente fa riserva d'acqua.
se si vogliono tenere degli aceri in materiale esclusivamente drenante dalla mia esperienza o si impiega akadama o si impiega akadama: la pomice non va bene e dall'esperienza di Bat e Giacomo mi par di capire che anche mix di pomice e akadama vanno bene fino ad un certo punto (l'akadama deve essere in percentuale oltre il 50?); come detto nell'altro post, non ho esperienza di mix.
a onor del vero devo dire che ho anche dei palmati che sto tenendo per fare un futuro boschetto: sono in pomice piena, ombra piena (esposizione nord), zona umida e stanno benone... ma il vaso è di quelli alti di plastica in cui l'acqua viene trattenuta di più.

jiraiya
Nuovo Utente
Nuovo Utente

Messaggi : 159
Data d'iscrizione : 11.02.13
Località : Saronno

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  batinblack il Sab 20 Lug 2013, 13:14

Grazie ancora a tutti!
batinblack
batinblack
Utente medio
Utente  medio

Messaggi : 629
Data d'iscrizione : 20.04.12
Età : 52
Località : Roma

http://www.flickr.com/groups/canoniani_romani/pool/27506990@N04/

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  kordonbleu il Sab 20 Lug 2013, 14:30

jiraiya ha scritto:
giacomo58 ha scritto:60% di pomice e tanta .....la pomice trattiene molto meno l'umidità radicale rispetto all'akadama
concordo; invece non concordo con Giancarlo: la pomice non va bene per gli aceri. anche Giancarlo stesso ha scritto che gli aceri li tiene in un mix di pomice, akadama, t.u. e kanuma: il t.u. controbilancia l'asciugatura veloce della pomice, praticamente fa riserva d'acqua.
se si vogliono tenere degli aceri in materiale esclusivamente drenante dalla mia esperienza o si impiega akadama o si impiega akadama: la pomice non va bene e dall'esperienza di Bat e Giacomo mi par di capire che anche mix di pomice e akadama vanno bene fino ad un certo punto (l'akadama deve essere in percentuale oltre il 50?); come detto nell'altro post, non ho esperienza di mix.
a onor del vero devo dire che ho anche dei palmati che sto tenendo per fare un futuro boschetto: sono in pomice piena, ombra piena (esposizione nord), zona umida e stanno benone... ma il vaso è di quelli alti di plastica in cui l'acqua viene trattenuta di più.

invece per me la pomice (con TU) è stata una svolta, da quando la uso sono diminuite le malattie (non chiedetemi perchè) e le piante stanno meglio, ovviamente bisogna fare attenzione alle irrigazioni!
kordonbleu
kordonbleu
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 13306
Data d'iscrizione : 10.03.12
Età : 100
Località : Teramo

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  giancarlo il Sab 20 Lug 2013, 17:26

jiraiya ha scritto:
giacomo58 ha scritto:60% di pomice e tanta .....la pomice trattiene molto meno l'umidità radicale rispetto all'akadama
concordo; invece non concordo con Giancarlo: la pomice non va bene per gli aceri. anche Giancarlo stesso ha scritto che gli aceri li tiene in un mix di pomice, akadama, t.u. e kanuma: il t.u. controbilancia l'asciugatura veloce della pomice, praticamente fa riserva d'acqua.
se si vogliono tenere degli aceri in materiale esclusivamente drenante dalla mia esperienza o si impiega akadama o si impiega akadama: la pomice non va bene e dall'esperienza di Bat e Giacomo mi par di capire che anche mix di pomice e akadama vanno bene fino ad un certo punto (l'akadama deve essere in percentuale oltre il 50?); come detto nell'altro post, non ho esperienza di mix.
a onor del vero devo dire che ho anche dei palmati che sto tenendo per fare un futuro boschetto: sono in pomice piena, ombra piena (esposizione nord), zona umida e stanno benone... ma il vaso è di quelli alti di plastica in cui l'acqua viene trattenuta di più.

Io rispetto sempre tutte le opinioni, ci mancherebbe....pero' io ho a che fare con aceri da 20 anni ed oltre, ne ho uno che lo coltivo dal 1991, ho cominciato con akadama pura e poi per esperienza diretta e sbagliando qualcosa, sono giunto a mettere un mix di akadama pomice t.u. E kanuma a tutti i miei aceri.....e ne ho ormai una quindicina compresi quelli che curo per un vivaio.....stanno benissimo, non soffrono di marciume radicale avendo un composto molto drenante ed arrivano a sera molto tranquillamente...i componenti del mio Club che sono nel Forum possono tranquillamente affermarlo.....ribadisco....la pomice va benissimo per aceri e per altre essenze....poi in base a quale essenza si va a rinvasare, si può metterne più o meno di pomice..... ti diro di piu', spesse volte sostituisco l'akadama con la pomice e le piante stanno benissimo.....

Diverso e' il discorso se si usa solo ed esclusivamente pomice....in uel caso le piante vanno monitorate pèrche' asciugherebbero velocemente anche all'ombra...anche se per farle riprendere a volte lo faccio con ottimi risultati.....le prove le ho nel vivaio...chiunque puo' vedere le mie piante sanissime in sola pomice......La storia del bat Kaede - Pagina 6 64407 

_______________________________________________________________________________________________________________________________
Bonsai Club Laudense
La storia del bat Kaede - Pagina 6 Logonr10


4 parole fondamentali per l'arte bonsai:
> Passione
> Determinazione
> Costanza
> Tenacia
giancarlo
giancarlo
.
.

Messaggi : 16129
Data d'iscrizione : 01.01.10
Età : 64
Località : Boffalora d'Adda - Lodi

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  orsoferito il Sab 20 Lug 2013, 17:48

Confermo che sostanzialmente la pomice va bene per tutto.
Sono i correttivi in aggiunta che la migliorano ulteriormente.
Qui entra la personalizzazione che ognuno di noi fa del substrato anche considerando con che tipo di essenze ha a che fare.
Paradossalmente io posso dire che ho una grossa azalea raccolta in un giardino due anni fa. Messa in pura pomice ed è ancora bella vispa e vitale e fiorisce in primavera inoltrata.
Naturalmente non può stare li all'infinito....................
Questo per dire che sono le cure e le attenzioni che il bonsaista mette in atto a determinare quasi al 100% il successo o meno delle sue piante. vedo e prevedo 

orsoferito
Bonsaista esperto
Bonsaista esperto

Messaggi : 3563
Data d'iscrizione : 30.09.10
Località : Turriaco FVG

http://orsi.andrea41@alice.it

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  Simo. il Sab 20 Lug 2013, 17:51

batinblack ha scritto:Grazie ancora a tutti!

Ricordati, se riesci, di postare alcune foto! guardalente 
Simo.
Simo.
Vice Amministratore
Vice Amministratore

Messaggi : 8523
Data d'iscrizione : 05.01.10
Età : 46
Località : Segrate (MI)

https://www.youtube.com/channel/UCtrd9Z6KU2Yo4KFQD0Bx1HA

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  giancarlo il Sab 20 Lug 2013, 21:15

orsoferito ha scritto:Confermo che sostanzialmente la pomice va bene per tutto.
Sono i correttivi in aggiunta che la migliorano ulteriormente.
Qui entra la personalizzazione che ognuno di noi fa del substrato anche considerando con che tipo di essenze ha a che fare.
Paradossalmente io posso dire che ho una grossa azalea raccolta in un giardino due anni fa. Messa in pura pomice ed è ancora bella vispa e vitale e fiorisce in primavera inoltrata.
Naturalmente non può stare li all'infinito....................
Questo per dire che sono le cure e le attenzioni che il bonsaista mette in atto a determinare quasi al 100% il successo o meno delle sue piante.  vedo e prevedo 

Io invece ho voluto provare a mettere una azalea in sola akadama per un paio di stagioni....stava benissimo.....poi ho interrotto gli esperimenti perché l'ho venduta...

Riguardo alla pomice, trovo che spesse volte sia molto sottovalutata dai bonsaisti...io da due tre anni a questa parte, tendo sempre di più a sostituirla al posto dell'akadama con ottimi risultati.....La storia del bat Kaede - Pagina 6 272947 

_______________________________________________________________________________________________________________________________
Bonsai Club Laudense
La storia del bat Kaede - Pagina 6 Logonr10


4 parole fondamentali per l'arte bonsai:
> Passione
> Determinazione
> Costanza
> Tenacia
giancarlo
giancarlo
.
.

Messaggi : 16129
Data d'iscrizione : 01.01.10
Età : 64
Località : Boffalora d'Adda - Lodi

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  Ospite il Dom 21 Lug 2013, 05:13

giancarlo ha scritto:
orsoferito ha scritto:Confermo che sostanzialmente la pomice va bene per tutto.
Sono i correttivi in aggiunta che la migliorano ulteriormente.
Qui entra la personalizzazione che ognuno di noi fa del substrato anche considerando con che tipo di essenze ha a che fare.
Paradossalmente io posso dire che ho una grossa azalea raccolta in un giardino due anni fa. Messa in pura pomice ed è ancora bella vispa e vitale e fiorisce in primavera inoltrata.
Naturalmente non può stare li all'infinito....................
Questo per dire che sono le cure e le attenzioni che il bonsaista mette in atto a determinare quasi al 100% il successo o meno delle sue piante.  vedo e prevedo 

Io invece ho voluto provare a mettere una azalea in sola akadama per un paio di stagioni....stava benissimo.....poi ho interrotto gli esperimenti perché l'ho venduta...

Riguardo alla pomice, trovo che spesse volte sia molto sottovalutata dai bonsaisti...io da due tre anni a questa parte, tendo sempre di più a sostituirla al posto dell'akadama con ottimi risultati.....La storia del bat Kaede - Pagina 6 272947 


io invece non vivendo alle temperature del nord....sto apprezzando di più l'akadama .benvenuto 

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  jiraiya il Dom 21 Lug 2013, 09:05

giancarlo ha scritto:Diverso e' il discorso se si usa solo ed esclusivamente pomice....in uel caso le piante vanno monitorate pèrche' asciugherebbero velocemente anche all'ombra...anche se per farle riprendere a volte lo faccio con ottimi risultati.....le prove le ho nel vivaio...chiunque puo' vedere le mie piante sanissime in sola pomice......La storia del bat Kaede - Pagina 6 64407 
sì, infatti non ho detto nulla sui vari mix (di cui, ripeto, non ho esperienza), ma sul fatto che 'la pomice va bene': per gli aceri da sola non va bene, richiederebbe troppe attenzioni. stavo dicendo questo Smile
mi è stato suggerito di mettere in pura pomice solo un olivastro: vedremo come va Smile
diversamente, nell'unico mix che ho fatto, aggiungendo un po' di pomice all'akadama il substrato resiste al gelo mantenendo molto meglio la natura 'granulare' (poi faccio comunque attenzione alle annaffiature); curiosamente la stessa cosa è stata notata da altri bonsaisti con cui mi sono trovato a parlarne... francamente non ho idea del motivo, però l'ho notato. nonostante ciò i ginepri li tengo in akadama, penso per abitudine e perchè i miei sono in vasi ridotti: il costo è limitato Wink
uno dei pregi dell'akadama per me resta il suo sfaldarsi: forma una piccola zolla attorno alle radici preservandone la funzionalità durante i rinvasi (logicamente non in occasione di rinvasi a radice nuda); progressivamente la si toglie perchè comunque al rinvaso si 'gratta' sempre sia sopra che sotto tutta la zolla, quindi non esce mai un 'blocco' monolitico.
giovedì mi sono trovato a passare in un vivaio vicino Rimini e lì la vivaista mi ha detto che lei non riesce a gestire le piante in akadama (infatti utilizza un mix di pomice e t.u.); in un vivaio del comasco (suppongo noto a molti) si usa un po' tutto e non si consiglia un terriccio specifico, ma si guarda prevalentemente le esigenze della persona che terrà a pianta... e francamente penso sia il modo più 'giusto'. è vero che in terreno drenante le piante crescono molto, ma richiedono più attenzioni (in dipendenza dalle dimensioni del vaso e dall'esposizione a sole e vento): tutto dipende da come il bonsaista riesce a star dietro alla pianta (non so quanti possano star sempre dietro con l'annaffiatoio...). penso che non ci sia un unica via di procedere, ma con la sola pomice siamo molto vicini all'unica via, il no Smile

per il resto non utilizzo antifungini o insettici o altro... e (per ora) le piante stanno bene: le ho spostate in parte del vecchio orto dei nonni e non hanno nulla... quando stavano sul balcone era un proliferare di ragnetti, cocciniglie, oidio etc... boh! lì stanno meglio Smile

però mi sa che stiamo andando un po' OT Smile
per l'acero in oggetto io procederei spostandolo all'ombra, luogo umido in cui circoli l'aria (preserva da funghi), qualche nebulizzazione, innaffiature più frequenti... e sospenderei ogni trattamento. un po' quello che han già detto tutti Smile

jiraiya
Nuovo Utente
Nuovo Utente

Messaggi : 159
Data d'iscrizione : 11.02.13
Località : Saronno

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  giancarlo il Dom 21 Lug 2013, 09:32

Non capisco questo ribattere ogni cosa che dico...io faccio presente che ho a che fare con circa 300 bonsai, e continuare a dire no la pomice non va bene, non lo trovo corretto...che tu non la ami e preferisci l'akadama lo capisco...ma se per tua ammissione non conosci le varie misture e dici no la pomice non va bene dai un messaggio sbagliato, se le tue piante in piena pomice non vanno bene la colpa non è certo della pomice...se ti dico che molte piante le ho in agriperlite, specialmente le talee cosa fai Allora? Eppure ci vivono tranquillamente..la verità è che più la mistura è drenante più attenzione richiede...per il resto io sto sostituendo l'akadama con la pomice da tempo e quando non lo ritengo la mischio....come dai a dire no la pomice non va bene per gli aceri...è allora le mie piante come vivono?

_______________________________________________________________________________________________________________________________
Bonsai Club Laudense
La storia del bat Kaede - Pagina 6 Logonr10


4 parole fondamentali per l'arte bonsai:
> Passione
> Determinazione
> Costanza
> Tenacia
giancarlo
giancarlo
.
.

Messaggi : 16129
Data d'iscrizione : 01.01.10
Età : 64
Località : Boffalora d'Adda - Lodi

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  batinblack il Dom 21 Lug 2013, 13:00

Ragazzi le cose sembrano andare meglio! Ho rimosso tutto il filo, preparato una miscela di akadama e lapillo e pochissimo TU che ho miscelato nel primo strato del vasone e somministrato MIG la sera tardi. Comunque deve essere stato un colpo di caldo per che ora la innaffio due volte al di e le cose sembrerebbero andare meglio. Comunque ho controllato le radici che sembrano essere belle chiare e turgide.
Grazie a tutti.
batinblack
batinblack
Utente medio
Utente  medio

Messaggi : 629
Data d'iscrizione : 20.04.12
Età : 52
Località : Roma

http://www.flickr.com/groups/canoniani_romani/pool/27506990@N04/

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  batinblack il Dom 21 Lug 2013, 13:01

giacomo58 ha scritto:
giancarlo ha scritto:
orsoferito ha scritto:Confermo che sostanzialmente la pomice va bene per tutto.
Sono i correttivi in aggiunta che la migliorano ulteriormente.
Qui entra la personalizzazione che ognuno di noi fa del substrato anche considerando con che tipo di essenze ha a che fare.
Paradossalmente io posso dire che ho una grossa azalea raccolta in un giardino due anni fa. Messa in pura pomice ed è ancora bella vispa e vitale e fiorisce in primavera inoltrata.
Naturalmente non può stare li all'infinito....................
Questo per dire che sono le cure e le attenzioni che il bonsaista mette in atto a determinare quasi al 100% il successo o meno delle sue piante.  vedo e prevedo 

Io invece ho voluto provare a mettere una azalea in sola akadama per un paio di stagioni....stava benissimo.....poi ho interrotto gli esperimenti perché l'ho venduta...

Riguardo alla pomice, trovo che spesse volte sia molto sottovalutata dai bonsaisti...io da due tre anni a questa parte, tendo sempre di più a sostituirla al posto dell'akadama con ottimi risultati.....La storia del bat Kaede - Pagina 6 272947 


io invece non vivendo alle temperature del nord....sto apprezzando di più l'akadama .benvenuto 

Sono daccordo Giacomo infatti le fitocelle che ho da parte per gli innesti sono in akadama pura e stanno benone!
batinblack
batinblack
Utente medio
Utente  medio

Messaggi : 629
Data d'iscrizione : 20.04.12
Età : 52
Località : Roma

http://www.flickr.com/groups/canoniani_romani/pool/27506990@N04/

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  jiraiya il Dom 21 Lug 2013, 13:31

felice che la pianta stia bene Smile

circa lo scritto di Giancarlo, chiedo scusa, ma ribattere ogni cosa detta non è ciò che ho fatto: ho solo sostenuto che la pomice da sola per gli aceri non va bene come suolo totalmente drenante e ho letto 'la pomice va bene' come messaggio (non mio) che non trovo corretto cosa suffragata, mi pare, dagli scritti e dalle esperienze di tutti gli scriventi (che usano mix); non è questione di essere o meno fan dell'uno o dell'altro substrato nè di avere due, cento o tremila piante. ma, dicevo, chiedo scusa, specie per l'OT e a Giancarlo col quale mi scuserò via PM.

jiraiya
Nuovo Utente
Nuovo Utente

Messaggi : 159
Data d'iscrizione : 11.02.13
Località : Saronno

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  Simo. il Dom 21 Lug 2013, 13:40

jiraiya ha scritto:felice che la pianta stia bene Smile


Sono felice anch'io... anche se a mio avviso... "qualche foto ce la dovevi Bat" (tra virgolette ovviamente)!!!
Simo.
Simo.
Vice Amministratore
Vice Amministratore

Messaggi : 8523
Data d'iscrizione : 05.01.10
Età : 46
Località : Segrate (MI)

https://www.youtube.com/channel/UCtrd9Z6KU2Yo4KFQD0Bx1HA

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  giancarlo il Dom 21 Lug 2013, 15:08

jiraiya ha scritto:felice che la pianta stia bene Smile

circa lo scritto di Giancarlo, chiedo scusa, ma ribattere ogni cosa detta non è ciò che ho fatto: ho solo sostenuto che la pomice da sola per gli aceri non va bene come suolo totalmente drenante e ho letto 'la pomice va bene' come messaggio (non mio) che non trovo corretto cosa suffragata, mi pare, dagli scritti e dalle esperienze di tutti gli scriventi (che usano mix); non è questione di essere o meno fan dell'uno o dell'altro substrato nè di avere due, cento o tremila piante. ma, dicevo, chiedo scusa, specie per l'OT e a Giancarlo col quale mi scuserò via PM.

Jiraiya ha avuto la sua risposta in privato, qui non ritengo di dire altro...continuiamo con il post di Bat.......grazie

_______________________________________________________________________________________________________________________________
Bonsai Club Laudense
La storia del bat Kaede - Pagina 6 Logonr10


4 parole fondamentali per l'arte bonsai:
> Passione
> Determinazione
> Costanza
> Tenacia
giancarlo
giancarlo
.
.

Messaggi : 16129
Data d'iscrizione : 01.01.10
Età : 64
Località : Boffalora d'Adda - Lodi

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  alby94 il Dom 21 Lug 2013, 15:18

batinblack ha scritto:Ragazzi le cose sembrano andare meglio! Ho rimosso tutto il filo, preparato una miscela di akadama e lapillo e pochissimo TU che ho miscelato nel primo strato del vasone e somministrato MIG la sera tardi. Comunque deve essere stato un colpo di caldo per che ora la innaffio due volte al di e le cose sembrerebbero andare meglio. Comunque ho controllato le radici che sembrano essere belle chiare e turgide.
Grazie a tutti.

Bene Marco
Sono contento che si stia riprendendo
alby94
alby94
Utente attivo
Utente attivo

Messaggi : 2637
Data d'iscrizione : 21.09.12
Età : 26
Località : Como

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  Simo. il Dom 21 Lug 2013, 17:48

Confesso di non aver potuto seguire, le argomentazioni sulla composizione dei composti con soggetto "la pomice".

Anche se in ritardo vorrei dire la mia... per quel che vale. Laughing 

Ritengo la pomice un elemento importante in un mix (visto che nessuno ha mai parlato di pomice assoluta, Gian compreso) per conferire un buon drenaggio, che ricordo offre maggiori possibilità di perdonare eccessi d'acqua (dovuti ad esempio alle continue piogge... tipo questa Primavera dove le mie piantine erano esposte totalmente alle stesse). Ma cosa altrettanto fondamentale è quella di offrire un'ottima aerazione.
La conoscenza dei terricci a disposizione, ha permesso di concepirne un mixaggio ottimale in base alle caratteristiche di ognuno, in relazione all'ambiente in cui si coltiva e ad ogni essenza.

L'akadama trattiene l'umidità più a lungo (anche gli elementi nutritivi)... impiega più tempo ad asciugare, ma tende a compattarsi (anche quella di miglior qualità) ne consegue una minor aerazione.

La pomice asciuga prima, trattiene meno elementi... per contro drena ed aera meglio.

La Kanuma, si comporta come l'akadama (sempre di argilla si tratta e sempre la tendenza a sgretolarsi ha)... ma ha il vantaggio di apportare una componente acida al composto.

Il TU apporta/supporta elementi organici e concorre a trattenere l'umidità... a seconda delle torbe che lo compongono, potrebbe apportare acidità.

Ecc. ecc.

Mi sembra evidente che mixando le varie componenti, si possa (si debba?) cercare d'ottenere l'optimum (difficilmente il maximum) in base all'essenza, l'uogo di coltivazione e disponibilità/possibilità d'intervento... come mi sembra evidente che la pomice rappresenti il vero (se non unico) elemento fondamentale per l'aerazione dei composti.

Non che senza di essa le piante non vivano... ma forse meglio sì!

Per il resto... inutile far la guerra del 10% in più o in meno per ogni componente... qui si entra nel soggettivo. Mentre ciò che ho scritto sopra, penso possa rientrare nell'oggettività.

Ecco... ho detto la mia. Laughing Laughing Laughing 

La storia del bat Kaede - Pagina 6 64407
Simo.
Simo.
Vice Amministratore
Vice Amministratore

Messaggi : 8523
Data d'iscrizione : 05.01.10
Età : 46
Località : Segrate (MI)

https://www.youtube.com/channel/UCtrd9Z6KU2Yo4KFQD0Bx1HA

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  batinblack il Dom 21 Lug 2013, 19:33

Ragazzi mi dispiace che sia accaduto tutto questo.
Domani approfondiremo ancora la discussione e postero qualche foto.
Grazie ancora a tutti per la pazienza !
batinblack
batinblack
Utente medio
Utente  medio

Messaggi : 629
Data d'iscrizione : 20.04.12
Età : 52
Località : Roma

http://www.flickr.com/groups/canoniani_romani/pool/27506990@N04/

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  giancarlo il Dom 21 Lug 2013, 22:34

batinblack ha scritto:Ragazzi mi dispiace che sia accaduto tutto questo.
Domani approfondiremo ancora la discussione e postero qualche foto.
Grazie ancora a tutti per la pazienza !

Non è successo nulla Bat, solo un equivoco poi chiarito in privato...vai avanti tranquillo...

_______________________________________________________________________________________________________________________________
Bonsai Club Laudense
La storia del bat Kaede - Pagina 6 Logonr10


4 parole fondamentali per l'arte bonsai:
> Passione
> Determinazione
> Costanza
> Tenacia
giancarlo
giancarlo
.
.

Messaggi : 16129
Data d'iscrizione : 01.01.10
Età : 64
Località : Boffalora d'Adda - Lodi

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  danielo55 il Lun 22 Lug 2013, 08:44

Io resto dell'idea che l'esperienza personale sia alla base di tutto,abbiamo visto che tutti noi sperimentiamo in varie maniere i substrati, i concimi e i vari interventi sulle piante,qualcuno azzarda queste cose solo con lo scopo di dimostrare teorie che poi risultano sbagliate e purtroppo in questi casi ci rimette sempre e soprattutto la pianta,è ovvio che i dogmi dei substrati giapponesi ad ogni costo sono un poco decaduti(almeno per quello che riguarda certi tipi di coltivazione) e senza nulla togliere a loro,da quando ho scoperto la pomice e il lapillo,almeno per quello che riguarda le latifoglie uso prettamente questi e anche negli aceri che amano la kanuma riesco a coltivarli con questi substrati senza difficoltà e non è detto che la pomice asciughi tanto velocemente....anzi un leggera umidità la conserva sempre

_______________________________________________________________________________________________________________________________
I fiori rari e belli sono quelli più difficili da raccogliere, beato chi ci riesce
danielo55
danielo55
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 2715
Data d'iscrizione : 02.01.10
Età : 107
Località : Fogliano-gorizia

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  jiraiya il Lun 22 Lug 2013, 10:24

giancarlo ha scritto:Non è successo nulla Bat, solo un equivoco poi chiarito in privato...vai avanti tranquillo...
quoto Giancarlo Smile

jiraiya
Nuovo Utente
Nuovo Utente

Messaggi : 159
Data d'iscrizione : 11.02.13
Località : Saronno

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  batinblack il Lun 22 Lug 2013, 15:05

Credo di aver risolto l'enigma dovuto appunto, come dicevo ad un colpo di caldo.
Sono arrivato a questa conlcusione dopo vari tentativi cercando di andare per esclusione; prima di tutto scalzando il substrato ho visto che le redici erano bianche e turgide e quindi non si trattava di marciume radicale che comunque avevo scartato in partenza perchè quando avevo rinvasato avevo somministrato a più riprese trichoderma e comunque avevo fatto una passata preventiva di Previcur energy ( in aprile ne faccio una passata preventiva su tutte le piante).
Arrivato alla conclusione che si trattava di carenza di acqua ed umido ho provveduto a preparare una miscela di akadama lapillo e pochissimo TU che ho miscelato allo strato superiore del substrato e la sera tardi ho somministrato una dose di MIG.
Non mela sono sentita di trapiantarla ancora perchè l'ho fatto i primi di marzo ed attualmnte alberga già in un vaso di 35 CM di diametro.
Comunque il fatto di aver arrestato il processo involutivo me lo ha dimostrato l'apeertura di nuove gemme apicali.
Attualmente la pianta è posizionata all'ombra di un grande Rincospermum con il vaso posizionato su due grandi cassette di terra che cerco di mantenere umida per cercare di creargli attorno un microclima più favorevole.
Per quel che riguarda la diatriba sull'utilizzo di questo o di quel composto, credo che non esista una regola fissa per tutto bensì, e l'ho imparato dai miei errori, ogni situazione è a se stante. Per esempio io che abito all'attico di una palazzina di 4 piani e dispongo di tutte le esposizioni possibili avendo il terrazzo perimetrale ho toccato con mano che addirittura c'è differenza tra posizionare un vaso sul pavimento oppure alzarlo mezzo metro da terra, figuriamoci poi con terreno drenante come la pomice. L'errore principale è stato il mio perchè di solito coltivando sempre con un minimo di terriccio universale nel substrato, questo mi ha sempre consentito di poter dilungare il tempo tra un'innaffiatura ed un'altra. Quest'anno invece è stata prima volta che non ne ho utilizzato e per giunta con una percentuale di pomice di molto superiore all'akadama che sappiamo tutti impiega più tempo ad asciugarsi e nonostante questo ero arrivato ad innaffiare mai tutti i giorni bensì un giorno si ed uno no.
Ora ho fatto tesoro di questo mio errore che sappiamo tutti insegna più di fiumi di teoria.
I detti non sbagliano mai: " La teoria è quando sai tutto ma non Ti riesce niente, la pratica è quando Ti riesce tutto ma non sai perchè". Io nonostante che sono più di 35 anni che sto dietro alle piante ho creato un aterza casistica" Devo ancora studiare molto e quel poco che so devo ancora comprenderlo a fondo!
Salutoni e grazie ancora a tutti !
Marco
batinblack
batinblack
Utente medio
Utente  medio

Messaggi : 629
Data d'iscrizione : 20.04.12
Età : 52
Località : Roma

http://www.flickr.com/groups/canoniani_romani/pool/27506990@N04/

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  batinblack il Lun 22 Lug 2013, 15:45

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Attachment

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Attachment

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Attachment


batinblack
batinblack
Utente medio
Utente  medio

Messaggi : 629
Data d'iscrizione : 20.04.12
Età : 52
Località : Roma

http://www.flickr.com/groups/canoniani_romani/pool/27506990@N04/

Torna in alto Andare in basso

La storia del bat Kaede - Pagina 6 Empty Re: La storia del bat Kaede

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 6 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.