Traduttore Google
Contatto forum
A causa dei tanti messaggi privati in arrivo, ho messo un limite per scrivere MP all'amministratore, quindi prima di poter scrivere messaggi all'amministratore ed i suoi componenti bisogna aver fatto almeno 10 post Per urgenze particolari, per reclami o solo per suggerimenti gli utenti che non hanno i requisiti, possono scrivere a questo indirizzo: giancarlo.carlini@alice.it
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

La luna oggi
CURRENT MOON
Ospiti Italiani ed esteri che hanno Visitato il Forum
Sondaggio

Come avete scoperto il forum?

13% 13% [ 35 ]
58% 58% [ 155 ]
1% 1% [ 4 ]
13% 13% [ 34 ]
3% 3% [ 7 ]
13% 13% [ 34 ]

Totale dei voti : 269

Ultimi argomenti
» Un piccoletto di mirto
Ieri alle 10:22 Da von mises

» vacanze pugliesi
Sab 19 Ago 2017, 20:08 Da von mises

» Identificazione pianta
Sab 19 Ago 2017, 18:30 Da Lucagun

» Primo acero rosso
Sab 19 Ago 2017, 17:55 Da Lucagun

» Chaemacyparis nana mame
Sab 19 Ago 2017, 17:47 Da Lucagun

» Primo step di un silvestre dopo 50 anni di coltivazione
Sab 19 Ago 2017, 14:37 Da Armando Dal Col

» Consiglio per mugo
Sab 19 Ago 2017, 07:31 Da ilniele

» la mia essenza preferita
Ven 18 Ago 2017, 17:19 Da suiseki

» Un saluto da un nuovo iscritto
Gio 17 Ago 2017, 16:53 Da feanor

I postatori più attivi del mese
Simo.
 
vicious
 
Lucagun
 
giancarlo
 
von mises
 
ale
 
feanor
 
Armando Dal Col
 
lucabe
 
KingBear
 

Agosto 2017
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Calendario Calendario

Segui Giancarlo su Facebook

Sabina Yamadori

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Sabina Yamadori

Messaggio  Andrea Albergo il Lun 03 Feb 2014, 18:12

Salve amici del forum vi mostro attraverso un articolo apparso nel N° 136 di bonsai & News il lungo cammino appena intrapreso da un sabina.


La pianta oggetto dell’articolo è un Juniperus Sabina,pianta arborea appartenente alla famiglia delle Cupressacee.
Originaria dell’Asia, dell’America e dell’Europa,in Italia si sviluppa negli Appennini e nelle alpi dai 1000 mt fino ai 3000 mt.
E’ un arbusto cespuglioso, spesso si presenta prostrato e fittamente ramificato, con i rami giovani e sottili.
La corteccia è di colore bruno-rossiccia, le sue foglie dal verde intenso se stropicciate emanano un odore molto penetrante
e suggestivo. Presenta stagionalmente dei numerosi fiori ovali di colore giallastro. Dopo la fecondazione i rami
che portano i fiori femminili si curvano verso il basso,  in modo che le bacche maturino pendule, ogni bacca può
contenere uno o due semi. A volte questa pianta può ospitare il fungo Gymnosporangium fuscum.
A differenza degli altri ginepri le applicazioni delle tecniche bonsai sul sabina vanno diluite nel tempo con un’attenta
valutazione dello stato di salute della pianta e progettate con estrema cura onde evitare spiacevoli ritiri di linfa che
potrebbero portare alla perdita di rami o nei casi peggiori alla perdita di tutto l’ esemplare. Venni in possesso di questo
sabina yamadori nella primavera del 2009 , all’epoca si presenava con una vegetazione abbastanaza rada e dal colore poco
rassicurante ma ormai c’eravamo incontrai e la scintilla si era accesa! (Foto 1)



Mi capita spesso di posare gli occhi su uno yamadori ed improvvisamente immaginarlo nella sua forma definitiva già in un
vaso bonsai. Quando ho a che fare con piante raccolte in natura ci vado sempre molto cauto, aspetto sempre almeno una
stagione vegetativa per valutare il vigore dell’albero prima di pensare a qualsiasi intervento. Tutto ciò è fondamentale poichè
si ha il tempo per entrare in sintonia con l’albero, capire i suoi ritmi e studiare con calma le varie soluzioni da mettere in atto
per tirar fuori da un cespuglio un bonsai credibile.
Gli yamadori in genere presentano su di essi i segni profondi lasciati dalla natura nell’arco della loro esistenza, quindi hanno
sempre impressi pregi e difetti . Il compito di un bravo e sensibile bonsaista dovrebbe essere quello di saper esaltare i pregi
e dissimulare i difetti in maniera mai evidente. Dopo due stagioni di coltivazione la pianta si presenta con un ottimo vigore,
la sua vegetazione è triplicata e con la tecnica della selezione ed eliminazione dei ciuffetti deboli la sua vigoria e ben distribuita
su tutti i rami. (foto 2)



Un’abbondante fioritura è il segno inequivocabile che la pianta si è completamente stabilizzata .
E’ giunto il momento d’intervenire. Troppo spesso si commette l’errore di cominciare  quasi subito ad applicare le tecniche più
svariate su yamadory appena aquistati mettendo a rischio la vita della pianta e senza avere a disposizione vegetazione a sufficenza
per rendere il tutto equilibrato e credibile. La fretta è la nemica più distruttiva per un bonsaista, non bisognerebbe mai dimenticare,
che si ha a che fare con un essere vivente. Bisogna rispettare l‘albero per avvicinarsi ai suoi ritmi. Inoltre, un bonsaista sensibile, non
cercherà mai d’imporre i suoi ritmi o i suoi gusti nelle forme,ma più tosto cercherà di assecondare quelle che sono le caratteristiche
dell’albero per avvicinarsi al raggiungimento della sua forma definitiva in maniera intima e spirituale.

Analisi e progettazione:
Foto 2: Pianta molto vecchia con un bel movimento sinuoso .Non ha un‘ottima conicità,presenta un vistoso
shary che sale dalla base fino all’apice con vene ben tubolarizzate dal movimento dolce ed elegante. La vegetazione
è abbondante e sorretta da rami molto lunghi. Per via del suo classico andamento ad “S”  potrebbe essere impostata
nello stile moyogy con ottime caratteristiche, però la parte alta della pianta fugge troppo verso il retro.
Foto 3:

Il lato opposto presenta le medesime caratteristiche, in più il movimento delle vene sembra leggermente
migliore e la parte alta viene verso l’ossevatore. Dopo un’attento studio di tutti i rami a disposizione si elabora
un progetto con un disegno.(dis.1)



Valutando tutti i particolari del disegno,l’insieme sembra ben equilibrato eppure non bisogna fermarsi alla prima intuizione ma
proseguire l’ osservazione da vari punti di vista ed inclinazioni alla ricerca di una soluzione che esalti al meglio le sue
caratteristiche.
Foto 4:

Inclinando la pianta dal lato sx le sue curve appaiono più marcate con un movimento  prima discendente e poi
ascendente, i jin che puntano  verso il basso contribuiscono a rafforzare la sua direzione riflettendo all’osservatore forza
e drammaticità. Con un’altro disegno, questa volta in stile kengay, si cerca d’immaginare la giusta collocazione dei palchi.Dis.2


Dopo un‘attenta valutazione dei due progetti si decide di seguire quello nello stile Kengay.Prima di cominciare la modellatura
la pianta fu rinvasata nella giusta posizione ma con un grado di pendenza maggiore rispetto al disegno. Lo studio èd il progetto
per la prima impostazione di uno yamadori è fondamentale ma non va necessariamente seguito alla lettera. E’ buona cosa non
legarsi a schemi  o regole ferree ma se necessario apportare modifiche durante il processo di modellatura seguendo l’ispirazione
creativa del momento.

Alla ricerca della giusta visione:
Per creare un’ottimo bonsai le conoscenza delle giuste tecniche da mettere in atto, da sole non bastano. Bisogna entrare intimamente
in sintonia con l’albero per tirare  fuori tutto il suo potenziale nascosto. Durante il processo creativo necessario si possono anche infrangere
alcune regole a patto che il risultato non sia eccessivo ma sempre carico di naturalezza. A questo punto risulta molto d’aiuto,proiettare
l’intima e personale immagine che si ha dell’albero nel suo luogo d’origine, come in un salto nel tempo. Con un pò di concentrazione
si riescire ad  avere una visione suggestiva ed evocativa del paesaggio circostante. Pensai a questo sabina spinto dal vento gelido e dal
peso incessante della neve che lo fece a cadere da un lato. Alcune radici rimasero esposte  all’aria e morirono ,interrompendo così il
flusso l’infatico, anche una parte della vegetazione regredì. In quel punto la corteccia sfaldandosi e deteriorandosi, formò un evidente shari.
Le radici rimaste aggrappate al terreno si ripresero con l’arrivo della primavera alimentando i rami rimasti ,che in cerca di luce ,indirizzarono
le loro giovani crescite verso l’alto a discapito dei rami cadenti che s’indebolirono fino a morire.Tenendo ben a mente queste caratteristiche
si è sicuri di portare alla luce: forza , drammaticità e naturalezza.

La Fase di modellatura :
Una volta certi che l’albero si sia ripreso dallo stress del rinvaso si comincia con una sommaria pulizzia della legna secca e definizione
delle vene vive, si puliscono i ciuffetti di verde eliminando quelli deboli per prepararli alla filatura. I rami che non occorrono al disegno
vengono privati della corteccia e strasformati in lunghi jin molto suggestivi. Si comincia con filare i rami che saranno i più bassi della
cascata e via via tutti gli altri fino all’apice. (foto 5)


E’ buona norma lavorare per prima cosa la legna secca e poi modellare l’albero. In questo caso però, sapendo che la chioma non avrebbe
intralciato il lavoro sul secco, ho preferito fare l’inverso. Il tronco principale pur possedendo un sinuoso andamento va ulteriormente
movimentato intervenendo sul secco.(foto 6)


Nel tratto della prima curva risalente,si  forma uno sgradevole  effetto ottico di controconicità. Per dissimulare questo difetto si crea ,con
l’utilizzo di una fresa ,un vuoto in modo da alleggerire visivamente la curva ,creando più dinamicità così da far fluire lo sguardo velocemente
altrove.(foto 7)



Le parti che invece si vorranno evidenziare facendo in modo che lo sguardo vi si soffermi , dove possibile,andranno incorniciate
con i palchi. Dopo il lavoro di fresatura si applica la tecnica della flambatura in modo da ripulire il secco dai segni della fresa e dare al tutto
un’aspetto più naturale ed invecchiato. Prima del passaggio del fuoco,per precauzione, le vene vive sono state protette con una pasta
modellabile. (foto 9-10 )




Dopo la flambatura si rimuove la pasta modellabile e con una spazzola metallica si ripulisce il legno per prepararlo
alla successiva applicazione del liquido jin.(foto da 11 a 14)









Questa è soltandto una prima fase del trattamento e della lavorazione del secco. In futuro l’aspetto sarà reso ancor più naturale con
l’utilizzo di attrezzi manuali in modo da far riemergere le naturali venature del legno mediante la tecnica dello strappo. Con delle sgorbie
si alzano dei piccoli lembi di legna che poi si tirano via strappandole energicamente.


Una volta ultimata la modellatura l’albero andrà protetto in un luogo ripararo dal vento e da sbalzi termici, inoltre nebulizzando più volte al
giorno la chioma si crea intorno alla  pianta il giusto microclima per una pronta ripresa dopo lo stress subito. Comincia ora il lungo cammino
di questo sabina per diventare un bonsai.(Foto 16-17-18)







In futuro si penserà esclusivamente all’infittimento della vegetazione e solo quando
la pianta si sarà abbondantemente ripresa si passerà alla collocazione in un vaso bonsai.
avatar
Andrea Albergo
Bonsaista esperto
Bonsaista esperto

Messaggi : 319
Data d'iscrizione : 27.01.14
Età : 44

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  Giovanni 48 il Lun 03 Feb 2014, 20:08

Ottima la lavorazione su questa pianta che mi piace molto , peccato che lo stile non incontra il mio gusto e lo stile MOYOGI del tuo virtual e' molto bello , ma i gusti sono personali , comunque complimenti per il lavoro  applauso applauso 

Giovanni 48
Utente medio
Utente  medio

Messaggi : 894
Data d'iscrizione : 08.09.11
Età : 69
Località : Ancona

http://www.giobel-photographer.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  giancarlo il Lun 03 Feb 2014, 23:30

Era tanto che non vedevo un post cosi' ben fatto e curato nei dettagli........complimenti Andrea......per l'esposizione del lavoro nel post, la cura dei particolari quasi maniacale, per il rispetto dei tempi di lavoro che hai dato alla pianta (per me sono una cosa fondamentale...) e per il risultato splendido ottenuto...nel tuo post c'e' tutto cio' che un bonsaista dovrebbe fare.....rispettare la pianta, conoscerla, esaminarla e progettarla, poi dopo arriva la parte che piu' piace a noi bonsaisti...""metterci mano""...e dare "corpo" al progetto scelto.....

Tu hai anche un'ottima mano nel disegnare....fare un buon disegno e seguirne le tracce e' un'ottima cosa....insomma hai lavorato alla grande ed hai sin qui raggiunto ottimi risultati......

p.s. anche io, come "Giovanni48", amo meno le "cascate" e "semicascate" rispetto agli altri stili.....ma questo non togli nulla alla bellissima lavorazione che hai svolto...sono solo gusti personali che ognuno di noi ha....... applauso applauso applauso 

_______________________________________________________________________________________________________________________________
Bonsai Club Laudense



4 parole fondamentali per l'arte bonsai:
> Passione
> Determinazione
> Costanza
> Tenacia
avatar
giancarlo
.
.

Messaggi : 15929
Data d'iscrizione : 01.01.10
Età : 61
Località : Boffalora d'Adda - Lodi

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  Simo. il Mar 04 Feb 2014, 00:08

Concordo con Giovanni e Giancarlo...

Non avrei avuto dubbi... per questo bel materiale che definir cespuglio, mi pare eccessivo... avrei scelto questo tuo ottimo progetto:



Sicuramente più scontato quanto di maggior impatto estetico (a mio modesto avviso), dinamico, con maggior proporzione d'insieme (linea-conicità)... in questo momento, pare "mortificato" a livello di nebari (schiacciato/contro-conico), "limitandosi" a relegare l'ottima figura di sé al lavoro svolto sulla ramificazione ed impostazione della stessa.
Questo in foto ed in ciotola... al rinvaso e dal vivo, penso sarà diverso.  Smile Smile Smile 

Comunque, grazie Andrea, ottimo lavoro e  spunti condivisi!!!  
avatar
Simo.
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 7330
Data d'iscrizione : 05.01.10
Età : 43
Località : Segrate (MI)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  orsoferito il Mar 04 Feb 2014, 08:36

Grande lezione di tecnica bonsai.
Quello che apprezzo di più però è il principio di convivenza che tu crei con la pianta rispettandola al massimo e assecondandola il più possibile senza farla diventare un'altra cosa.
Per lo stile scelto, evidentemente sarà quello che più ti riesce naturale immaginarlo considerando le caratteristiche di partenza.
Ogni bonsaista vede in una pianta "il suo bonsai" che non è obbligatoriamente uguale al pensiero comune.
Su questa pianta probabilmente si potrebbero fare molti progetti e sicuramente tutti (o quasi) validi, ma quello che conta per te è il "tuo" progetto che, in questo caso, io penso sia il più appropriato.
Ciao, bel lavoro e bella lezione di bonsai felicefz 

orsoferito
Bonsaista esperto
Bonsaista esperto

Messaggi : 3592
Data d'iscrizione : 30.09.10
Località : Turriaco FVG

http://orsi.andrea41@alice.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  Bonsaicaffe il Mar 04 Feb 2014, 09:11

I complimenti sono meritati..... super 
 
Ottima escuzione di tutti i lavori fatti e le tempistiche perfette,
 
la scelta del progetto e l'impostazione della chioma mi garba parecchio...
 
come gia' anticipato da Te , serve una buona coltivazione per infittire i palchi e dare il giusto volume all'insieme.
 
 
Un bellissimo post, completo e dettagliato... applauso 
 
ciao Marcello saluti2  saluti2
avatar
Bonsaicaffe
Bonsaista esperto
Bonsaista esperto

Messaggi : 2369
Data d'iscrizione : 07.01.11
Età : 54
Località : Brescia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  ale il Mar 04 Feb 2014, 10:43

Bellissimo!
Per condividere, e dal livello "sotterraneo" da cui guardo questo genere di lavori eccezionali, oso però anch'io dire... che l'eretto mi sarebbe piaciuto anche di più!   
Scusa, l'avevo pensato anche leggendo il "cartaceo", ma ora che ci hai dato la possibilità di parlarne...   
Ma, ripeto, bellissimo e eccellente anche l'esposizione.  super
avatar
ale
Utente medio
Utente  medio

Messaggi : 862
Data d'iscrizione : 11.04.12
Età : 41
Località : Novara

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  giancarlo il Mar 04 Feb 2014, 11:10

Bene, visto lo splendido post cosi' dettagliato, lo metto in evidenza......grazie Andrea..... benvenuto benvenuto benvenuto 

_______________________________________________________________________________________________________________________________
Bonsai Club Laudense



4 parole fondamentali per l'arte bonsai:
> Passione
> Determinazione
> Costanza
> Tenacia
avatar
giancarlo
.
.

Messaggi : 15929
Data d'iscrizione : 01.01.10
Età : 61
Località : Boffalora d'Adda - Lodi

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  moyogi il Mar 04 Feb 2014, 13:10

Bellissima essenza e molto bello lo stile che hai scelto! Complimenti
avatar
moyogi
Nuovo Utente
Nuovo Utente

Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 05.03.13
Età : 45
Località : Venezia

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  Andrea Albergo il Mar 04 Feb 2014, 14:54

Grazie a voi dei complimenti e dello spazio che mi offrite. benvenuto 
avatar
Andrea Albergo
Bonsaista esperto
Bonsaista esperto

Messaggi : 319
Data d'iscrizione : 27.01.14
Età : 44

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  Peppe1602 il Mar 04 Feb 2014, 15:24

Non posso che unirmi ai compimenti che hai ricevuto...gran bel lavoro Andrea
avatar
Peppe1602
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 562
Data d'iscrizione : 13.12.12
Età : 43
Località : Mantova

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  il bona il Mer 05 Feb 2014, 12:27

Wow sei davvero molto bravo Andrea! Complimentoni!!! Mi hai fornito una lezione davvero piena di contenuti interessanti e spiegati nel migliore dei modi!!! Grazie grazie grazie
avatar
il bona
Utente medio
Utente  medio

Messaggi : 1139
Data d'iscrizione : 18.01.14
Età : 31
Località : Pandino

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  grinch il Mer 05 Feb 2014, 12:35

bella pianta e grande maestranza nel lavorarla ,davvero bravo complimenti , una domanda siccome non ne ho di sabina ma mi piacciono molto,mi potresti dire se questo ginepro va ad ago quando lo si lavora ? grazie
avatar
grinch
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 279
Data d'iscrizione : 31.12.13
Età : 46
Località : toscana

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  Andrea Albergo il Mer 05 Feb 2014, 12:58

A me non è successo perché ho diluito i lavori ma credo possa succedere se la pianta non è in ottima salute e viene sottoposta ad una drastica potatura e lavorazione.
avatar
Andrea Albergo
Bonsaista esperto
Bonsaista esperto

Messaggi : 319
Data d'iscrizione : 27.01.14
Età : 44

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  grinch il Mer 05 Feb 2014, 17:23

ho capito grazie della risposta , credo che questa essensa non entrera mai nel mio giardino allora ,perche se mi andasse ad ago la butterei
avatar
grinch
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 279
Data d'iscrizione : 31.12.13
Età : 46
Località : toscana

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  orsoferito il Mer 05 Feb 2014, 17:41

grinch ha scritto:ho capito grazie della risposta , credo che questa essensa non entrera mai nel mio giardino allora ,perche se mi andasse ad ago la butterei

Ma se una pianta va in ago non è da buttare, si ricupera............
certo ci vuole pazienza (ma noi come bonsaisti dovremmo averne molta!), però si ricupera. incrocio dita 

orsoferito
Bonsaista esperto
Bonsaista esperto

Messaggi : 3592
Data d'iscrizione : 30.09.10
Località : Turriaco FVG

http://orsi.andrea41@alice.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  grinch il Mer 05 Feb 2014, 18:07

orsoferito ha scritto:
grinch ha scritto:ho capito grazie della risposta , credo che questa essensa non entrera mai nel mio giardino allora ,perche se mi andasse ad ago la butterei

Ma se una pianta va in ago non è da buttare, si ricupera............
certo ci vuole pazienza (ma noi come bonsaisti dovremmo averne molta!), però si ricupera. incrocio dita 
si hai ragione te ma io quei tipi di ginepro che fanno ago non li sopporto è piu forte di me
avatar
grinch
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 279
Data d'iscrizione : 31.12.13
Età : 46
Località : toscana

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  orsoferito il Mer 05 Feb 2014, 18:09

grinch ha scritto:
orsoferito ha scritto:
grinch ha scritto:ho capito grazie della risposta , credo che questa essensa non entrera mai nel mio giardino allora ,perche se mi andasse ad ago la butterei

Ma se una pianta va in ago non è da buttare, si ricupera............
certo ci vuole pazienza (ma noi come bonsaisti dovremmo averne molta!), però si ricupera. incrocio dita 
si hai ragione te ma io quei tipi di ginepro che fanno ago non li sopporto è piu forte di me

Guardali con un altro occhio!
Potresti accorgerti di vedere un'altra cosa...............forse vedo e prevedo saluti2 

orsoferito
Bonsaista esperto
Bonsaista esperto

Messaggi : 3592
Data d'iscrizione : 30.09.10
Località : Turriaco FVG

http://orsi.andrea41@alice.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  grinch il Mer 05 Feb 2014, 18:11

ba chissa forze un giorno lo farò per ora mi diletto con i comunis
avatar
grinch
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 279
Data d'iscrizione : 31.12.13
Età : 46
Località : toscana

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  orsoferito il Mer 05 Feb 2014, 18:22

grinch ha scritto:ba chissa forze un giorno lo farò per ora mi diletto con i comunis

I comunis???????
Forse intendi qualche cosa d'altro, perché qua su da noi sul Carso nascono ad ago guardalente saluti2

orsoferito
Bonsaista esperto
Bonsaista esperto

Messaggi : 3592
Data d'iscrizione : 30.09.10
Località : Turriaco FVG

http://orsi.andrea41@alice.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  Simo. il Mer 05 Feb 2014, 18:38

grinch ha scritto:ba chissa forze un giorno lo farò per ora mi diletto con i comunis

 Shocked Shocked Shocked 

grinch... da te che ami i communis mi sarei aspettato il contrario. Che avresti apprezzato la possibilità del Sabina di virare ad ago!  Laughing Laughing Laughing 

Scherzo ovviamente... era una battuta di spiritismo...



 Smile Smile Wink 
avatar
Simo.
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 7330
Data d'iscrizione : 05.01.10
Età : 43
Località : Segrate (MI)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  grinch il Mer 05 Feb 2014, 21:18

simone ottima battuta accettata pienamente
avatar
grinch
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 279
Data d'iscrizione : 31.12.13
Età : 46
Località : toscana

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  il bona il Mer 05 Feb 2014, 21:41

Cosa vuol dire virare ad ago? Scusate le mie domande ma ho tanta voglia di imparare :p
avatar
il bona
Utente medio
Utente  medio

Messaggi : 1139
Data d'iscrizione : 18.01.14
Età : 31
Località : Pandino

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  giancarlo il Mer 05 Feb 2014, 21:46

Solitamente le essenze piu' pregiate di ginepri, sono a scaglie.....accade pero' che durante la coltivazione, la pianta possa subire delle lavorazioni aggressive, rinvasi, potature un po' drastiche oppure non goda di ottima salute .....e si stressa.....allora si difende emettendo aghi anziche' le scaglie....snaturando un po' la sua caratteristica che e' quella di emettere delle squame/scaglie......

_______________________________________________________________________________________________________________________________
Bonsai Club Laudense



4 parole fondamentali per l'arte bonsai:
> Passione
> Determinazione
> Costanza
> Tenacia
avatar
giancarlo
.
.

Messaggi : 15929
Data d'iscrizione : 01.01.10
Età : 61
Località : Boffalora d'Adda - Lodi

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  Simo. il Mer 05 Feb 2014, 21:57

Rafforzando quanto detto da Gian, posto qualche immagine per visualizzare il discorso:

Squama:



Squama virata ad ago in qualche punto, in seguito a stress di varie entità (lavorazioni, errori di coltivazione, ecc. ecc.)... indebolimento generale:

avatar
Simo.
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 7330
Data d'iscrizione : 05.01.10
Età : 43
Località : Segrate (MI)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Sabina Yamadori

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum