Traduttore Google
Contatto forum
A causa dei tanti messaggi privati in arrivo, ho messo un limite per scrivere MP all'amministratore, quindi prima di poter scrivere messaggi all'amministratore ed i suoi componenti bisogna aver fatto almeno 10 post Per urgenze particolari, per reclami o solo per suggerimenti gli utenti che non hanno i requisiti, possono scrivere a questo indirizzo: giancarlo.carlini@alice.it
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

La luna oggi
CURRENT MOON
Ospiti Italiani ed esteri che hanno Visitato il Forum
Sondaggio

Come avete scoperto il forum?

12% 12% [ 35 ]
59% 59% [ 171 ]
1% 1% [ 4 ]
13% 13% [ 38 ]
2% 2% [ 7 ]
12% 12% [ 34 ]

Voti totali : 289

Ultimi argomenti
» Ginepro Comune
Oggi alle 17:03 Da bonsaimax

» Autunno prime colorazioni
Oggi alle 11:38 Da kordonbleu

» Kuromatsu in costruzione
Oggi alle 11:10 Da kordonbleu

» Pino Nero Giapponese - Pinus Thumbergii
Oggi alle 09:28 Da alè_bonsai

» pyracantha
Ieri alle 21:11 Da Simo.

» reimpostare uno Yamadori
Ieri alle 18:51 Da Simo.

» Vasi per bonsai
Ieri alle 18:49 Da Simo.

» yamadori 2018/2017
Ieri alle 18:19 Da vicious

» Piccolo olmo cinese sta perdendo le foglie
Dom 18 Nov 2018, 21:22 Da von mises

Novembre 2018
LunMarMerGioVenSabDom
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Calendario Calendario

Segui Giancarlo su Facebook

Storia di un faggio rosso con un figlio adottivo.

Andare in basso

Storia di un faggio rosso con un figlio adottivo.

Messaggio  Armando Dal Col il Lun 04 Lug 2016, 15:23

Storia di un faggio rosso con un carpino nato alla base.
Messaggioda Armando » 04 lug 2016 16:17

http://www.armandodalcolseiwabonsaien.com/faggio-rosso-con-un-figlio-adottivo/


Questo faggio rosso lo feci da seme e nacque nel 1986. Cresciuto abbastanza
decisi di trasferirlo in un vaso Bonsai molto basso. Negli anni successivi alla base della pianta nacque un carpino bianco, e così lo lasciai crescere in compagnia tenendolo però molto basso. Nel 2010 il faggio fu attaccato nella parte alta del tronco da chiazze ovali longitudinali di colore grigiastro, una crittogame patogena che progredendo crea delle fessurazioni sulla corteccia portando alla morte la zona colpita. Malgrado interventi massicci con fitofarmaci a largo spettro d’azione dovetti tagliare la parte del tronco colpita, trasferendo nel contempo la pianta in un “contenitore” con maggiore quantitativo di terriccio. La pianta negli anni successivi si mantenne sana generando nuova vegetazione che lasciai crescere indisturbata. Agli inizi del mese di giugno di quest’anno (2016) decisi di rimodellare il faggio e di contenere le dimensioni del carpino cresciuto eccessivamente. Naturalmente dovevo abbandonare l’idea di “Albericità” che aveva in precedenza, impostandolo in una forma ombrelliforme. Prima della modellatura praticai la defogliazione totale del faggio e quella parziale del carpino, il quale doveva apparire anche lui in una forma molto compatta. Dopo una ventina di giorni il faggio rosso si è coperto di nuova vegetazione dal colore tenue rosato. Ed ora vediamo alcune immagini di questa coppia di piante che convive insieme tranquillamente.
avatar
Armando Dal Col
Istruttore riconosciuto dalla Nippon Bonsai Association e Istruttore Nazionale UBI
Istruttore riconosciuto dalla Nippon Bonsai Association e Istruttore Nazionale UBI

Messaggi : 749
Data d'iscrizione : 26.06.13
Età : 83
Località : Tarzo TV Phone 0438 587265

http://www.armandodalcolseiwabonsaien.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Storia di un faggio rosso con un figlio adottivo.

Messaggio  giancarlo il Mar 05 Lug 2016, 19:29

Armando Dal Col ha scritto:Storia di un faggio rosso con un carpino nato alla base.
Messaggioda Armando » 04 lug 2016 16:17

http://www.armandodalcolseiwabonsaien.com/faggio-rosso-con-un-figlio-adottivo/


Questo faggio rosso lo feci da seme e nacque nel 1986. Cresciuto abbastanza
decisi di trasferirlo in un vaso Bonsai molto basso. Negli anni successivi alla base della pianta nacque un carpino bianco, e così lo lasciai crescere in compagnia tenendolo però molto basso. Nel 2010 il faggio fu attaccato nella parte alta del tronco da chiazze ovali longitudinali di colore grigiastro, una crittogame patogena che progredendo crea delle fessurazioni sulla corteccia portando alla morte la zona colpita. Malgrado interventi massicci con fitofarmaci a largo spettro d’azione dovetti tagliare la parte del tronco colpita, trasferendo nel contempo la pianta in un “contenitore” con maggiore quantitativo di terriccio. La pianta negli anni successivi si mantenne sana generando nuova vegetazione che lasciai crescere indisturbata. Agli inizi del mese di giugno di quest’anno (2016) decisi di rimodellare il faggio e di contenere le dimensioni del carpino cresciuto eccessivamente. Naturalmente dovevo abbandonare l’idea di “Albericità” che aveva in precedenza, impostandolo in una forma ombrelliforme. Prima della modellatura praticai la defogliazione totale del faggio e quella parziale del carpino, il quale doveva apparire anche lui in una forma molto compatta. Dopo una ventina di giorni il faggio rosso si è coperto di nuova vegetazione dal colore tenue rosato. Ed ora vediamo alcune immagini di questa coppia di piante che convive insieme tranquillamente.

Come sempre Armando, in tante occasioni ci dai lezioni di coltivazione ed impostazione di piante particolari che sono graditissime da tutti noi....con queste due piantine altri magari avrebbero abbandonato l'idea di farne bonsai...tu con la tua tenacia e bravura hai saputo fare qualcosa di piacevole davvero.....grazie per la condivisione......

_______________________________________________________________________________________________________________________________
Bonsai Club Laudense



4 parole fondamentali per l'arte bonsai:
> Passione
> Determinazione
> Costanza
> Tenacia
avatar
giancarlo
.
.

Messaggi : 16132
Data d'iscrizione : 01.01.10
Età : 62
Località : Boffalora d'Adda - Lodi

Torna in alto Andare in basso

ogni pianta possiede un punto di forza

Messaggio  Armando Dal Col il Mer 06 Lug 2016, 06:50

Si Giancarlo, anche se onestamente mi piaceva di più prima per l'eleganza che il faggio esprimeva insieme al "figlio adottivo", ho cercato comunque di realizzare qualcosa di gradevole e soprattutto recuperabile!
avatar
Armando Dal Col
Istruttore riconosciuto dalla Nippon Bonsai Association e Istruttore Nazionale UBI
Istruttore riconosciuto dalla Nippon Bonsai Association e Istruttore Nazionale UBI

Messaggi : 749
Data d'iscrizione : 26.06.13
Età : 83
Località : Tarzo TV Phone 0438 587265

http://www.armandodalcolseiwabonsaien.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Storia di un faggio rosso con un figlio adottivo.

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum