Traduttore Google
Contatto forum
A causa dei tanti messaggi privati in arrivo, ho messo un limite per scrivere MP all'amministratore, quindi prima di poter scrivere messaggi all'amministratore ed i suoi componenti bisogna aver fatto almeno 10 post Per urgenze particolari, per reclami o solo per suggerimenti gli utenti che non hanno i requisiti, possono scrivere a questo indirizzo: giancarlo.carlini@alice.it
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

La luna oggi
CURRENT MOON
Ospiti Italiani ed esteri che hanno Visitato il Forum
Sondaggio

Come avete scoperto il forum?

13% 13% [ 35 ]
58% 58% [ 157 ]
1% 1% [ 4 ]
13% 13% [ 34 ]
3% 3% [ 7 ]
13% 13% [ 34 ]

Totale dei voti : 271

Ultimi argomenti
Ottobre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Calendario Calendario

Segui Giancarlo su Facebook

si inizia, daiza, attrezzi segreti.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

si inizia, daiza, attrezzi segreti.

Messaggio  maremmano il Sab 10 Ott 2015, 16:14

Sono una persona che le cose le imparo di più vedendole che leggendole, ho da sempre fatto lavori dove le mie mani erano l'essenza, fabbro saldatore,muratore, fioraio,meccanico,sono parte di lavori che ho appreso vedendo gli altri, a suo tempo facevo i daiza dopo aver letto qualcosa su come farli,e li facevo come  il detto in Maremma, “taglio il presciutto con l'accetta”, erano squadrati,non rifiniti e appunto fatti con attrezzi non adeguati, poi ho incontrato il mio Mentore, il Fabrizio Buccini, mi ha invitato a casa sua 2 giorni ( vedi video  Tecnica di lavorazione di un daiza https://youtu.be/w07hROZBm04)  oltre a fare il video vedevo,imparavo,ora a volte l'amico chiede consiglio a me.
Cercherò con questo post di farvi vedere alcuni passi di come e con  che attrezzi io realizzo un daiza, e qualche segreto.
Inizio subito a presentarvi la pietra, essa, secondo me viene chiamata erroneamente Palombino, che è il nome Palombino?  È un tipo di pietra che per il suo colore simile a quello del colombo ha preso, colombo-colombino-Palombino, ora le pietre simili di formazione  in Maremma si trovano,ma sono verdi-blù-grigie-rosse e color palombino, a volte policrome,cioè con questi colori in una sola pietra, geologicamente fanno parte delle Calcaree Marnose,cioè pietre terrigene (argille) unite dal calcare.
Il legno che ho usato, è la prima volta che lo provo è olivo, di solito legni con belle venature non si usano per non distogliere la bellezza di una pietra a quella del daiza, semmai lo farò di colore  più scuro.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
I fermi che vedete sono compresi nel tavolino da obbysti che si trovano in commercio a pochi euro, come vedete ne ho fatti di varie misure, 4 x ogni tipo, così posso lavorare le tavole di diverse misure con la fresa, al tavolino (indispensabile per fare i daiza) ho alzato con l'aggiunta di altro tubolare l'altezza, li fanno bassi che stroncano la schiena.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

dopo aver segnato il contorno della pietra sul legno, calcolo l'altezza massima di affondamento della pietra, e freso
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Ecco alcuni attrezzi indispensabili ormai per me,le frese verdi sono al wolfranio,indistruttibili, efficaci,uso e lo vedrete avanti frese appese con il flessibile, sono 4 e ad ognuno vi è la fresa che mi serve, è un attimo usarle.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La carta carbone non può mancare, serve per vedere dove la pietra tocca e non affonda, si stende su tutta la forma o solo da una parte si appoggia la pietra si batte con le mani su di essa levata si noterà  in macchie scure dove dobbiamo lavorare.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Questa è la parte esterna di dove lavoro, polvere e segatura sono libere di volare dove vogliono! Notate la colonna delle frese,fatta li per li con quello che ho trovato.
6[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Fatto l'affondo segno il percorso che dovrò fare con il traforo o seghetto alternatore
7[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
8[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
A suo tempo dovevo fare una scelta tra la sega circolare o il traforo, questo ultimo ho scelto, notate l'inclinazione del piano,tagliando verso l'interno del daiza in questa maniera saranno più equilibrati i piedini dopo, se fosse dritto invece i piedini sborderebbero dall'insieme, è un po come il vaso per i Bonsai,stretto sotto largo sopra,lo trovo più elegante.
9[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
10[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Questo è il risultato sino a ora
11[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
12[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
13.[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
In questo caso mi piace vedere di più il vuoto dato dal movimento della pietra, quindi segno il bordino e affondo anche li.
13[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
14[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
15[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Il movimento della pietra va seguito abbastanza preciso, se notate nella prima foto, si vede la pietra troppo affondata nel legno,li bisogna intervenire con la fresa, abbassandolo
16[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
17[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Riecco il punto del lavoro fatto
18[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Ora preparo il daiza ai piedini, uso la matita e il dito fermo sul bordino,cerco il punto più affondato del daiza per poi riportarlo all'esterno di esso, si può usare il metro o il calibro, fatto questo mi abbasso rispetto al segno a secondo del peso della pietra più o meno, praticamente tra l'affondo fatto e e il sotto resterà uno spessore che sostenga la pietra.
19[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
20[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
21[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Segno i piedini, sto largo,posso ridurli dopo, notate i fermi del legno? Usando la fresa orizzontale non danno problemi
22[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
23[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
24[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Con la carta vetrata al cilindretto nel flessibile stondo i bordi sotto dei piedini, quando saranno finiti se sono troppo grandi intervengo in questa maniera.
25[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Altro risultato, notare che i segni di dove faccio i piedini li ho fatto al bordo guardando la pietra dentro al daiza,poi riporto sotto i segni.
26[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Prima di dare forma ai piedini,stondo lo spazio del sotto del daiza,che vi è tra loro, questo mi aiuterà a dare la giusta inclinazione alla fresa (carta vetrata) per realizzarli
27[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Stando con la solita inclinazione  fatta al daiza con la carta vetrata al cilindretto, do la fresata superiore al piedino, lasciando all'incirca sui 2 millimetri sotto (il puntino rosso), per poi rifinirlo subito dopo.
28[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
29[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Questo è il risultato quasi finale prima di cartarlo molto bene e colorarlo
30[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Ho scritto quasi perché devo mettere la mia firma! Questo logo me lo hanno regalato gli Amici di Milano Franco,Enny e Felice,forse qualcuno di voi li conosce.
31[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Una volta ci mettevo più di un giorno a fare un daiza con l'accetta,ora con esperienza,attrezzi giusti e tantissima passione che aumenta di anno in anno grazie a gente come voi che mi segue e mi stimola  vi lascio immaginare quanti ne faccio al giorno.......................................................................
Seguitemi in questo post che non è finita qui,
avatar
maremmano
Grande esperto Suiseki
Grande esperto Suiseki

Messaggi : 241
Data d'iscrizione : 20.09.15
Età : 58
Località : Istia D'ombrone (Grosseto)

http://www.originidimaremma.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: si inizia, daiza, attrezzi segreti.

Messaggio  Smipar il Dom 11 Ott 2015, 06:49

Fantastico ........ super super
E grazie di condividere con noi i tuoi lavori applauso applauso
avatar
Smipar
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 497
Data d'iscrizione : 11.08.14
Età : 53
Località : Provincia RA appennino tosco emiliano

Tornare in alto Andare in basso

Re: si inizia, daiza, attrezzi segreti.

Messaggio  CaVa69 il Dom 11 Ott 2015, 19:43

maremmano, mi sembra di aver già visto una postazione simile alla tua ma non ricordo dove.....................  mah
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
..........ora ricordo, dal dentista!!!!!!!!!!!!!!!!
avatar
CaVa69
Nuovo Utente
Nuovo Utente

Messaggi : 113
Data d'iscrizione : 28.09.15
Età : 48
Località : Lucca

Tornare in alto Andare in basso

Re: si inizia, daiza, attrezzi segreti.

Messaggio  maremmano il Lun 12 Ott 2015, 05:55

Ciao Cava, mi piace il tuo umorismo,ogni tanto ci vuole. ci vuole!
avatar
maremmano
Grande esperto Suiseki
Grande esperto Suiseki

Messaggi : 241
Data d'iscrizione : 20.09.15
Età : 58
Località : Istia D'ombrone (Grosseto)

http://www.originidimaremma.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: si inizia, daiza, attrezzi segreti.

Messaggio  kordonbleu il Lun 12 Ott 2015, 11:33

grazie per la dimostrazione applauso applauso
avatar
kordonbleu
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 11433
Data d'iscrizione : 10.03.12
Età : 97
Località : Teramo

Tornare in alto Andare in basso

Re: si inizia, daiza, attrezzi segreti.

Messaggio  maremmano il Mer 14 Ott 2015, 06:19

Vediamo ora come valorizzare la patina e il colore, a suo tempo, circa 20 anni fa ero un pivello nell'arte del suiseki,ho avuto la fortuna di trovare subito belle pietre e quindi di avere l'appoggio anche venendo qui da me dei più grandi praticisti di questa arte in Italia, mi insegnarono quasi tutto, il metodo di valorizzare la patina era olio di lino diluito con diluente nitro, a mio vedere stando in campagna o quasi le pietre prendevano la polvere e con l'unto sopra era difficile spolverarle,in oltre l'olio che poi rimaneva rendeva la pietra troppo scura, un Amicone mi suggerii di usare il lucido da scarpe color neutro,uno spettaccolo!, la pietra all'inizio sembrava troppo lucida poi in poco tempo si attenuava,in più valorizzava di più i colori, oltre a sembrare maturale la patina della pietra, ma che fatica lucidarle.
Ora bene o male si usa tutti il solito metodo,crema per le mani, non scrivo marca per via della pubblicità,ma attenti c'è diversità tra crema e crema,questo credo è dato dai prodotti che usano,tipo l'olio d'oliva,il procedimento è questo (quello che uso io), spennello la pietra,la sfrego con le mani,aspetto 5/10 minuti e passo con una spazzola morbida per spandere meglio i residui rimasti nei posti anfratti, lascio riposare 1,2 giorni poi sfrego con un panno energicamente, la pietra assorbe la crema, ogni materiale diverso ha il suo tempo,se il colore e la patina non si esaltano quando ha assorbito va rifatto il procedimento sino a che non ha “preso.
32[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Questo tipo di pietra assorbe poco,il risultato è quasi immediato,si vede la differenza?
33[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Dopo circa 15 minuti si vede bene come è da finita
34[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
35[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Per il discorso della patina di come esaltarla si potrebbe discutere tantissimo, scrivo solo che l'obbiettivo finale del fare suiseki è avere la pietra che sia visibilmente naturale, ricordo che il colore naturale della pietra è quando è bagnata,questo è poi il fine, valorizzando la patina vi sarà una reazione naturale simile a quando è bagnata.,
provate,prendete pietruzza la bagnate,vedete il suo colore, la fate asciugare poi passatevi una mano in fronte e sfregatela sulla pietra,il risultato?,provate invece con la crema,il risultato? Quasi tutto uguale.
Per finire ricordo che quando poi dopo cartata,coloro il daiza,io uso colori ad acqua,metto subito la pietra sopra,questo per levare la possibilità di piegarsi e aver fatto invano il lavoro.
36[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

prima e dopo,ci sarà ancora un dopo,la finitura del daiza e  l'esposizione a breve.
37[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
maremmano
Grande esperto Suiseki
Grande esperto Suiseki

Messaggi : 241
Data d'iscrizione : 20.09.15
Età : 58
Località : Istia D'ombrone (Grosseto)

http://www.originidimaremma.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: si inizia, daiza, attrezzi segreti.

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum