Traduttore Google
Contatto forum
A causa dei tanti messaggi privati in arrivo, ho messo un limite per scrivere MP all'amministratore, quindi prima di poter scrivere messaggi all'amministratore ed i suoi componenti bisogna aver fatto almeno 10 post Per urgenze particolari, per reclami o solo per suggerimenti gli utenti che non hanno i requisiti, possono scrivere a questo indirizzo: giancarlo.carlini@alice.it
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

La luna oggi
CURRENT MOON
Ospiti Italiani ed esteri che hanno Visitato il Forum
Sondaggio

Come avete scoperto il forum?

12% 12% [ 35 ]
59% 59% [ 169 ]
1% 1% [ 4 ]
13% 13% [ 38 ]
2% 2% [ 7 ]
12% 12% [ 34 ]

Voti totali : 287

Ultimi argomenti
» radica di ulivo
Oggi alle 11:20 Da marco vaccarezza

» olivo bonsai pareri
Oggi alle 09:00 Da kordonbleu

» aiuto per l'olmo
Oggi alle 08:54 Da kordonbleu

» New entry - vecchio larice
Ieri alle 17:53 Da alby94

» La mia prima margotta (Melo Everest)
Ieri alle 13:14 Da alè_bonsai

» buon pomeriggio a tutti
Ieri alle 13:11 Da geo

» Primo tentativo.
Ieri alle 11:57 Da von mises

» ligustro da talea
Dom 16 Set 2018, 17:16 Da andria

» Ginepro... essenziale
Sab 15 Set 2018, 19:35 Da von mises

Settembre 2018
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Calendario Calendario

Segui Giancarlo su Facebook

Cerro raccolto ed autoinnestato...

Pagina 1 di 4 1, 2, 3, 4  Seguente

Andare in basso

Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  fferro74 il Mar 16 Lug 2013, 15:15

Come preannunciato in un altro 3d metto in evidenza la quercetta che ho prelevato questo inverno nella mia zona abituale dove vado a funghi, ma viste le annate molto scarse dell'anno scorso ho sfruttato il tempo a cercare qualche pianta interessante visto che essendo un bosco da taglio di sicuro prima o dopo avrebbero tagliato e quindi anche le piccole piante vanno via per lasciare spazio alle ceppaie migliori, ecco come si presentava nel suo territorio d'origine ad ottobre 2012
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
fferro74
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 250
Data d'iscrizione : 07.06.13
Età : 44
Località : cosenza

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  fferro74 il Mar 16 Lug 2013, 15:26

nel marzo del 2013 come avevo intuito insieme a due amici siamo andati a controllare e senza sorpresa ho trovato un paesaggio lunare taglio uniforme arrivato al limite ove si trovava la piantuzza adocchiata e di l a pochi giorni avrebbe fatto la fine del legno morto, quindi la preleviamo con cura grazie soprattutto a un colletto molto alto con un numero elevato di capillari e con taglio di 3 fittoni, portata a casa con tutta la zolla possibile, rinvasata in perlite pura setacciata e sopra 1 cm di kanuma, imbustata in nero e via in locale riparato. Eccola come si presenta poco più di un mese dopo sbustata per farle prendere un po' d'aria........

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
fferro74
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 250
Data d'iscrizione : 07.06.13
Età : 44
Località : cosenza

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  fferro74 il Mar 16 Lug 2013, 15:39

ecco gli aggiornamenti dopo esser passato a busta trasparente, forato e pian piano sbustato totalmente e passato gradualmente in pieno sole come da almeno 1 mese e 1/2

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
fferro74
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 250
Data d'iscrizione : 07.06.13
Età : 44
Località : cosenza

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  fferro74 il Mar 16 Lug 2013, 15:45

come potete notare ha avuto una ottima esplosione di germogli trasformati in rami con cacciate da circa 40 cm, l'unico problema come si nota che è partita solo da sotto mentre dalla seconda curva in poi niente, ad aprile quando la sbustai per la prima volta solo per controllo ho provveduto a passare del mastice da innesto sulla capitozzatura per prevenire un po' di ritiro di linfa ma fino ad oggi non ha fatto altro che cacciate basse, questa è la più alta di tutte
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
fferro74
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 250
Data d'iscrizione : 07.06.13
Età : 44
Località : cosenza

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  fferro74 il Mar 16 Lug 2013, 15:59

domandina per i più esperti che tipo di quercia è giudicando le foglie, la corteccia e il fatto che sia caduca???
inoltre pensate che possa ancora cacciare in alto ?? o magari se la linfa non si è ritirata del tutto questo inverno potrei operare un innesto passante ove trovo il cambio ancora verde ??

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]



e aggiungo le foglie più basse come si vede in foto sono un po' maculate, reputo sia una malattia fungina che tra l'altro nel bosco ho notato su tutte le piante, ecco perché come dicevo a Re e a Simo tratto periodicamente con Swan ...........cosa ne pensate?? difetto di coltivazione o predisposizione della pianta a questi attacchi??

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
fferro74
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 250
Data d'iscrizione : 07.06.13
Età : 44
Località : cosenza

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  Simo. il Mar 16 Lug 2013, 16:57

Ottima raccolta fferro, mi piace... a me pare un quercus cerris (cerro) te ne accorgi se vedi che attorno alle gemme ascellari ed apicali noti una sorta di "peluria".

"Peluria" su una gemma apicale

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Hai fatto bene a proteggere il taglio in apice con pasta, però il ritiro di linfa potrebbe avvenire ugualmente ora di quest'inverno.

Se te la sentissi di praticare un innesto a foro passante più in alto fin d'ora, facendo un'attenzione massima a non trasmettere vibrazioni eccessive all'apparato radicale, credo avresti maggiori possibilità di salvare la parte superiore.
A proposito, hai avuto modo di bloccare la pianta in vaso al momento dell'espianto e messa in dimora? Credo che con una buona "manina" sia comunque fattibile... ovviamente attendi anche altri pareri. Wink 

Per quanto riguarda il problema fungino... io più che lo Swan, darei del Proclaim della Bayer per via fogliare. Le foglie rovinate rimarranno ormai tali, ma il problema si risolve! Wink
avatar
Simo.
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 7517
Data d'iscrizione : 05.01.10
Età : 44
Località : Segrate (MI)

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  orsoferito il Mar 16 Lug 2013, 17:00

Swan serve a poco, è oidio.
Cerca un prodotto specifico, ce ne sono tantissimi.
Io mi sono trovato bene con il "topas", ma va bene anche il folicur oppure il proclaim.

Secondo me è inutile fare progetti ora, lascia passare tutta la stagione, poi a pianta spoglia deciderai

orsoferito
Bonsaista esperto
Bonsaista esperto

Messaggi : 3568
Data d'iscrizione : 30.09.10
Località : Turriaco FVG

http://orsi.andrea41@alice.it

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  Simo. il Mar 16 Lug 2013, 17:48

Il Folicur è sistemico (come lo Swan), se non erro, il Proclaim non è sistemico... per non immettere nel circolo linfatico altra chimica (ormai credo sia nota al forum la mia propensione ad evitare prodotti sistemici se non in mancanza di alternative).

Concordo con te Andrea, per quanto riguarda i progetti... ma se si vogliono aumentare le possibilità di salvare la parte alta... ??
avatar
Simo.
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 7517
Data d'iscrizione : 05.01.10
Età : 44
Località : Segrate (MI)

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  TonyZ il Mar 16 Lug 2013, 18:21

Niente male questa tua raccolta.....soprattutto vedendo la ripresa....  
IO eliminerei tutti i rami pollonanti o comunque quelli eccessivamente bassi in modo da convogliare la linfa sulla ramificazione rimanente.


 
avatar
TonyZ
Bonsaista esperto
Bonsaista esperto

Messaggi : 3104
Data d'iscrizione : 20.02.11
Età : 46
Località : Carignano (TO)

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  orsoferito il Mar 16 Lug 2013, 18:59

Simone ha scritto:Il Folicur è sistemico (come lo Swan), se non erro, il Proclaim non è sistemico... per non immettere nel circolo linfatico altra chimica (ormai credo sia nota al forum la mia propensione ad evitare prodotti sistemici se non in mancanza di alternative).

Concordo con te Andrea, per quanto riguarda i progetti... ma se si vogliono aumentare le possibilità di salvare la parte alta... ??

Purtroppo tutti i vari tipi di querce l'oidio lo hanno endemico, per questo si consiglia un sistemico.
Io uso regolarmente il topas che non è sistemico, però bisogna stare sempre con gli occhi aperti perché i danni dell'oidio sono irreversibili per le foglie colpite.
Per esperienza constatata su vari interventi fatti su piante raccolte in natura, raramente si riesce a salvare la parte apicale non vegetata con innesti a foro passante.
Se non c'è linfa a sufficienza quando stacchi il ramo si ferma tutto.
Magari non fosse cosi.
Poi c'è il colpo di c..o che smentisce tutti......................

ricordati la diretta

orsoferito
Bonsaista esperto
Bonsaista esperto

Messaggi : 3568
Data d'iscrizione : 30.09.10
Località : Turriaco FVG

http://orsi.andrea41@alice.it

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  Simo. il Mar 16 Lug 2013, 19:48

orsoferito ha scritto:
Simone ha scritto:Il Folicur è sistemico (come lo Swan), se non erro, il Proclaim non è sistemico... per non immettere nel circolo linfatico altra chimica (ormai credo sia nota al forum la mia propensione ad evitare prodotti sistemici se non in mancanza di alternative).

Concordo con te Andrea, per quanto riguarda i progetti... ma se si vogliono aumentare le possibilità di salvare la parte alta... ??

Purtroppo tutti i vari tipi di querce l'oidio lo hanno endemico, per questo si consiglia un sistemico.
Io uso regolarmente il topas che non è sistemico, però bisogna stare sempre con gli occhi aperti perché i danni dell'oidio sono irreversibili per le foglie colpite.
Per esperienza constatata su vari interventi fatti su piante raccolte in natura, raramente si riesce a salvare la parte apicale non vegetata con innesti a foro passante.
Se non c'è linfa a sufficienza quando stacchi il ramo si ferma tutto.
Magari non fosse cosi.
Poi c'è il colpo di c..o che smentisce tutti......................

 

orsoferito ha scritto:ricordati la diretta

E' più facile che riesca a darci un'occhiata in differita (alla registrazione)! Sai con i figli... Laughing  Smile Wink
avatar
Simo.
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 7517
Data d'iscrizione : 05.01.10
Età : 44
Località : Segrate (MI)

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  fferro74 il Mer 17 Lug 2013, 09:56

grazie Orso e Simone, per le vostre risposte, quindi sicuramente confermo sulle gemme apicali la peluria che mi hai indicato Simone quindi al 99% trattasi di cerro.

Per l'oidio quindi mi consigliate un fungicida per contatto non sistemico, secondo voi potrebbe andare bene cuthiol?? sempre se qualcuno ne ha esperienza altrimenti cerco qualcuno tra quelli consigliati da voi.
avatar
fferro74
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 250
Data d'iscrizione : 07.06.13
Età : 44
Località : cosenza

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  aldo67 il Mer 17 Lug 2013, 10:06

ciao amico molto bella la tua cerris per lo iodio io uso sulle mie querce zolfo bagnabile un mano santa non è invasivo come gli spray ed è molto efficiente

ciao a presto
avatar
aldo67
Utente medio
Utente  medio

Messaggi : 1132
Data d'iscrizione : 26.05.12
Età : 50
Località : Genzano di roma

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  Simo. il Mer 17 Lug 2013, 10:22

Non conosco il "Cuthiol" per esperienza diretta, ma da una rapida ricerca sul web direi che va bene... se ce l'hai già, userei quello. Wink 
avatar
Simo.
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 7517
Data d'iscrizione : 05.01.10
Età : 44
Località : Segrate (MI)

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  alby94 il Mer 17 Lug 2013, 10:31

Ecco tanto per cambiare me la sono perso questo post scusa    

Ma vengo alla pianta che è davvero molto bella sia per l'età che per il movimento del tronco e visto come ha reagito bene al prelievo stai facendo un ottimo lavoro
avatar
alby94
Utente attivo
Utente attivo

Messaggi : 2498
Data d'iscrizione : 21.09.12
Età : 24
Località : Como

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  fferro74 il Mer 17 Lug 2013, 13:05

Simone ha scritto:Non conosco il "Cuthiol" per esperienza diretta, ma da una rapida ricerca sul web direi che va bene... se ce l'hai già, userei quello. Wink 
si Simone avendolo disponibile provo ad usarlo, sinceramente non ho mai trattato con un rameico( non avendone mai avuto bisogno fino a d ora) di sicuro lo farò la sera ma credi che posso il giorno dopo esporlo al sole o è consigliabile lasciarlo all'ombra??
avatar
fferro74
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 250
Data d'iscrizione : 07.06.13
Età : 44
Località : cosenza

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  fferro74 il Mer 17 Lug 2013, 13:08

alby94 ha scritto:Ecco tanto per cambiare me la sono perso questo post scusa    

Ma vengo alla pianta che è davvero molto bella sia per l'età che per il movimento del tronco e visto come ha reagito bene al prelievo stai facendo un ottimo lavoro

grazie Alby mi era veramente piaciuta appena trovata ma ero insicuro sullo stato delle radici, avrebbe potuto anche avere un fittone unico senza capillari vicini e sicuramente l'averi lasciata lì, ma appena ho scavato 2-3 cm vicino al colletto ho trovato capillari e infatti in meno di 10-15 cm c'era la zolla da cui ho eliminato 3 fittoni............speriamo bene per il futuro
avatar
fferro74
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 250
Data d'iscrizione : 07.06.13
Età : 44
Località : cosenza

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  fferro74 il Mer 17 Lug 2013, 13:15

ora come gia detto da Orso e Simone riflettevo sulla possibilità di innestare per foro passante o per approssimazione come dalla foto che allego

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

infatti il mio pensiero è di avere la possibilità di non perdere la seconda curva della pianta che mi darebbe una buona altezza complessiva, infatti guardandola e sperando nel minor ritiro di linfa possibile all'altezza segnata potrei operare una approssimazione con i rami che si vedono( forse ancora sottili) e un foro passante con altri rami dalla parte opposta che hanno una lunghezza perfetta. Per fare il foro come mi chiedeva Simone la pianta è ancorata perfettamente al vaso viste le caratteristiche del piede interrato, inoltre il tirantino che si nota è servito solo per equilibrare il peso, data la leggerezza della perlite. Cosa pensate mi conviene provare a mettere in moto quel tratto sperando con un po' di C..O nell'attecchimento????incrocio dita incrocio dita incrocio dita incrocio dita 
avatar
fferro74
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 250
Data d'iscrizione : 07.06.13
Età : 44
Località : cosenza

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  Simo. il Mer 17 Lug 2013, 14:06

fferro74 ha scritto:
Simone ha scritto:Non conosco il "Cuthiol" per esperienza diretta, ma da una rapida ricerca sul web direi che va bene... se ce l'hai già, userei quello. Wink 
si Simone avendolo disponibile provo ad usarlo, sinceramente non ho mai trattato con un rameico( non avendone mai avuto bisogno fino a d ora) di sicuro lo farò la sera ma credi che posso il giorno dopo esporlo al sole o è consigliabile lasciarlo all'ombra??

Considerato che è un prodotto utilizzato in agricoltura direi che potresti lasciare la pianta esposta al sole o comunque a mezz'ombra (telo ombreggiante).

Riguardo all'ultima domanda sugli innesti, avevo già espresso il mio parere personale. Wink 
avatar
Simo.
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 7517
Data d'iscrizione : 05.01.10
Età : 44
Località : Segrate (MI)

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  fferro74 il Mer 17 Lug 2013, 14:59

Simone ha scritto:
fferro74 ha scritto:
Simone ha scritto:Non conosco il "Cuthiol" per esperienza diretta, ma da una rapida ricerca sul web direi che va bene... se ce l'hai già, userei quello. Wink 
si Simone avendolo disponibile provo ad usarlo, sinceramente non ho mai trattato con un rameico( non avendone mai avuto bisogno fino a d ora) di sicuro lo farò la sera ma credi che posso il giorno dopo esporlo al sole o è consigliabile lasciarlo all'ombra??

Considerato che è un prodotto utilizzato in agricoltura direi che potresti lasciare la pianta esposta al sole o comunque a mezz'ombra (telo ombreggiante).

Riguardo all'ultima domanda sugli innesti, avevo già espresso il mio parere personale. Wink 

tutte le mie piante sono sotto telo ombreggiante data la mia esposizione sud-ovest, quindi tratto e mantengo nel medesimo punto, nel frattempo provo a controllare in apice sotto la capitozzatura il grado di ritiro linfa così provo a fare entrambi gli innesti poi se qualcuno va in porto bene altrimenti ..........si riparte incrocio dita 
avatar
fferro74
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 250
Data d'iscrizione : 07.06.13
Età : 44
Località : cosenza

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  alby94 il Mer 17 Lug 2013, 15:04

fferro74 ha scritto:
Simone ha scritto:
fferro74 ha scritto:
Simone ha scritto:Non conosco il "Cuthiol" per esperienza diretta, ma da una rapida ricerca sul web direi che va bene... se ce l'hai già, userei quello. Wink 
si Simone avendolo disponibile provo ad usarlo, sinceramente non ho mai trattato con un rameico( non avendone mai avuto bisogno fino a d ora) di sicuro lo farò la sera ma credi che posso il giorno dopo esporlo al sole o è consigliabile lasciarlo all'ombra??

Considerato che è un prodotto utilizzato in agricoltura direi che potresti lasciare la pianta esposta al sole o comunque a mezz'ombra (telo ombreggiante).

Riguardo all'ultima domanda sugli innesti, avevo già espresso il mio parere personale. Wink 

tutte le mie piante sono sotto telo ombreggiante data la mia esposizione sud-ovest, quindi tratto e mantengo nel medesimo punto, nel frattempo provo a controllare in apice sotto la capitozzatura il grado di ritiro linfa così provo a fare entrambi gli innesti poi se qualcuno va in porto bene altrimenti ..........si riparte incrocio dita 

   
avatar
alby94
Utente attivo
Utente attivo

Messaggi : 2498
Data d'iscrizione : 21.09.12
Età : 24
Località : Como

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  blabla il Mer 17 Lug 2013, 20:05

Prova ad asportare un pezzetto di corteccia dalla parte apicale e controlla se è viva, ma, da quanto credo se non ha fatto foglie e molto probabile che sia viva sino all'ultimo getto guardalente guardalente 
avatar
blabla
Utente medio
Utente  medio

Messaggi : 632
Data d'iscrizione : 17.05.13
Età : 54
Località : Monfalcone

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  fferro74 il Gio 18 Lug 2013, 14:04

pe ora ho trattato col rameico presto effettuerò la prova e credo di agire in fretta in attesa della ripresa vegetativa per fine agosto
avatar
fferro74
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 250
Data d'iscrizione : 07.06.13
Età : 44
Località : cosenza

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  kordonbleu il Ven 19 Lug 2013, 18:13

fferro74 ha scritto:pe ora ho trattato col rameico presto effettuerò la prova e credo di agire in fretta in attesa della ripresa vegetativa per fine agosto

se ci aggiungevi un pò di zolfo coprivi di più
avatar
kordonbleu
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 12034
Data d'iscrizione : 10.03.12
Età : 98
Località : Teramo

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  fferro74 il Mar 23 Lug 2013, 16:18

come anticipato ho effettuato le prove per verificare lo stato di ritiro linfa, il primo taglio fatto in punta vedi foto, mi è sembrato più duro al taglio e la zona de cambio più rossa rispetto al taglio fatto a circa 5 cm più giù, mentre al tatto il taglio superiore si sentiva secco mentre quello inferiore si sentiva l'umidità, quindi ho messo un pò di pasta e ho defogliato il ramo per il foro passante alfine di attendere i tempi necessari per far cadere i piccioli delle foglie e poterlo inserire in tranquillità nel foro che praticherò più avanti

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
fferro74
Utente normale
Utente normale

Messaggi : 250
Data d'iscrizione : 07.06.13
Età : 44
Località : cosenza

Torna in alto Andare in basso

Re: Cerro raccolto ed autoinnestato...

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 4 1, 2, 3, 4  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum